FESTA MOBILE

Sto nel bisogno, nella malinconia, nella tristezza. Nella stanchezza di bastare a me stessa.

Pur bastandomi, non sono sufficiente. Pur amandomi, ho fame d’amore.

Fame di contatto, fame di silenzi condivisi e di parole non dette in due.

E di balli ballati e di baci baciati e di sguardi esclusivi.

Adesso che non ho più paura voglio qualcuno che mi faccia coraggio. Adesso che mi vedo voglio qualcuno che mi guardi.  Adesso che conosco il mio valore voglio qualcuno che mi apprezzi.

Essere è essere percepiti.

E sto anche nella gioia della contemplazione del bello, sto nel respiro dove mi ritrovo e mi espando, sto nell’agire dove mi sperimento. E prendo tutto di me, compreso l’animale. E questo mi fortifica.

E mi faccio testimone imparziale e compassionevole dei miei goffi tentativi di riordinare le scartoffie della vita che, ahimè, non può essere compresa.

E guardo e tocco il mondo per farlo esistere. Con curiosità e godimento, qualche volta con pudore.

Non da una prospettiva di mancanza, bensì di pienezza.

Ah… il trambusto della Vita! …Che festa sarà domani?

festa mobile foto